Fisco Oggi - Giurisprudenza

  1. Nell’ipotesi in cui si producano documenti di origine privata in sostituzione di quelli ufficiali accettati, l’operazione va equiparata a una cessione nel territorio nazionale
  2. La Corte di legittimità ha sottolineato che, nel caso alla sua attenzione, il tipo di comunicazione omessa non poteva pregiudicare l’esigenza di tutela del contribuente verificato
  3. Lo Stato membro verso il quale una società trasferisce la sede della propria direzione effettiva non può essere obbligato a prendere in considerazione i disavanzi originatesi prima di tale trasferimento  
  4. I finanziamenti ai soci, specialmente se infruttiferi, vanno appuntati sui libri sociali come operazioni straordinarie. Nel caso in esame non sono state trovate annotazioni al proposito
  5. Qualunque documento, in realtà, comprese le annotazioni e i brogliacci, può costituire la base per una presunzione idonea a produrre conclusioni probatorie circa i fatti di causa  
  6. Il preliminare del de cuius non rileva ai fini fiscali, l’obbligazione tributaria è a carico degli eredi che stipulano il trasferimento del bene andando a incidere anche sul loro imponibile Irpef